Di lauree, storie e nuove fioriture

Come va?
Come forse avevo detto da qualche parte, HO CONSEGNATO LA TESI, e se tutto va bene ad aprile sarò ufficialmente Archeologa (yay!). Sto ricominciando a farmi vedere sul blog, leggo, scrivo…insomma, rifiorisco a primavera. E a proposito di blog…

Ho riflettuto molto su questo. Su cosa fare con il blog.
Vedete, io ho molti interessi, alcuni più preponderanti di altri, e amo fare molte cose. Ho sempre per la testa qualche idea strampalata o qualche nuovo progetto: odio starmene ferma o pensare prima di fare le cose. Ma siccome non riuscivo a decidermi a mettere mano al blog (nonostante ci tenga molto) ho cominciato a riflettere (cosa incredibile di per sè.)

Ho deciso di dare una nuova impronta al blog, che poi, forse, proprio nuova non è: fin adesso è stato un book blog come tanti, non diverso dagli altri. E la cosa mi stava benissimo, anzi, mi sta ancora bene.
Il punto è che parlare solo di libri mi limita: lo ha sempre fatto, motivo per cui faccio recensioni anche di film e telefilm (e graphic novel). Ma ancora non mi basta.

Ma che vuoi di più? Insomma, se hai un book blog, parli di libri, no? Di che cavolo vorresti parlare di più?
E vi dò anche ragione, non fosse che ho avuto un’illuminazione.

C’è una cosa, un filo conduttore che lega bene o male tutte le mie passioni: sono le storie.
E quindi? chiederete, qual è il punto?

Il punto è che non voglio parlare di libri, ma di storie: le storie che leggo, quelle che vedo, quelle che vivo e quelle che invento. Storie vere, inventate, nuove, antiche, tristi, divertenti, serie, assurde, piene di speranza o di emozioni.
Voglio parlare di storie, ma anche della Storia: voglio raccontare dei luoghi, degli avvenimenti, delle usanze, delle persone.

Soprattutto, voglio sperimentare: fin dove posso arrivare con la Biblioteca? Fin dove posso spingermi, senza perdermi in un delirio senza capo nè coda?

Indi per cui, sto progettando un rinnovamento generale: taglierò vecchie rubriche e iniziative e ne aggiungerò di nuove. Cambierà la gestione generale del blog, il filo conduttore (o meglio, si sposterà leggermente di lato). Salteranno fuori argomenti che nessuno si aspetterebbe. Probabilmente cambierò grafica.Voi continuate a seguirmi, ditemi cosa ne pensate, se quello di cui parlo vi interessa, se vi sembra che alcuni rami vadano tagliati, se altri vadano lasciati crescere. Ditemi voi. Non voglio essere schiava dei followers, ma un blog senza lettori è come una barca senza vento, non va da nessuna parte. Quindi ditemi e parlatemi di tutto quello che vi passa per la testa.

Intanto, toccherà aspettare un po’: con la tesi da discutere mi sembra di mettere troppa carne al fuoco. Ma l’attesa è quasi finita. Presto anche la Biblioteca rifiorirà, e vedremo che colori avranno i suoi boccioli.

 

Annunci

Comunicazione di servizio

Eh niente, prima o poi doveva arrivare ç_ç
Devo annunciarvi che La Biblioteca di Amarganta ridurrà le attività al minimo per i prossimi mesi.

Per quale motivo, vi chiederete.
Come forse ho accennato da qualche parte, mi sto laureando. Cioè, ci sto provando, e sono in fase tesi selvaggia. Siccome la scadenza per la consegna è a marzo, fino ad allora concentrerò tutte le mie attenzioni su quel lavoro, lasciando indietro praticamente tutto il resto.

Cosa significa per la Biblioteca? Che fino a marzo (forse addirittura aprile) non avrete le rubriche. Proprio no. Zero. Nisba. Recensioni? Forse, o forse no: non riesco neanche a immaginare di arrivare fino ad aprile senza guardarmi qualche film o leggere almeno un libro, ma non so se avrò anche la forza e il tempo di scriverci sopra. Vedremo.

Risultati immagini per shame gif

Mi spiace darvi questa notizia proprio adesso, ci tenevo a fare tutta una serie di cose per Natale ç_ç Sarà per l’anno prossimo.

Voi intanto godetevi la grafica nuova (molto natalizia <3) e i forse post a tema dei prossimi mesi (sempre forse). Dopo la laurea riprenderò a pieno regime, quindi stay tuned!

Ossequi librosi,

Rolly la Bibliotecaria in crisi