La Biblioteca della Strega – Il Mondo delle fate

0

Titolo: Il mondo delle fate
Autore: A. Franklin
Prezzo: 16,50 euro
Data di pubblicazione: 2006
Pagine: 220
Editore: Armenia

Sarò sincera, non trovo questo libro particolarmente valido. Tralasciando il poco approfondimento della tematica trattata (che di per sè è già piuttosto vasta), ho notato che ci sono delle parti che si ripetono. Parola per parola, come se avessero fatto copia e incolla. A me questo sembra veramente assurdo, e anche un po’ scortese, non so se da parte del traduttore o da parte dell’autrice stessa.
Le storie narrate sono le stesse che ho trovato anche in altri libri sulle fate, quindi personalmente non ho visto nulla di particolarmente originale.

Le uniche cose carine che ho trovato sono le meditazioni guidate (peraltro un po’ troppo descrittive), gli esercizi e le ricette varie di incantesimi e compagnia bella. Personalmente, a parte questa piccola nota positiva, non consiglio questo libro: ce ne sono di molto migliori. Se vi capita di trovarlo in biblioteca o farvelo prestare, approfittatene per segnarvi gli esercizi e le ricette che vi interessano, ma se dovete comprarlo lasciate perdere.

Annunci

Fantàsia – La maledizione del Ramo d’Argento

0

 

Titolo: La maledizione del Ramo d’Argento
Autore: Lisa Tuttle
Prezzo: 9,90 euro
Data di pubblicazione: luglio 2008
Pagine: 347
Editore: Newton Compton
Trama: Un tempo il piccolo villaggio di Appleton, sulla costa scozzese, era famosissimo per le sue mele. Ora che i frutteti non ci sono più, abitanti e visitatori sognano ancora i fasti di allora, un tempo “fatato” in cui la Regina delle mele regnava e la buona fortuna prosperava per tutti. E qui si ritrovano oggi tre americane dal destino davvero speciale. Kathleen Mullaroy, da poco divorziata, ha lasciato l’America per venire a lavorare come responsabile presso la biblioteca di Appleton. La vedova Nell Westray spera, dedicandosi al giardinaggio, di godersi in tranquillità il ricordo degli anni felici trascorsi con il marito. La giovane Ashley Kaldis è venuta per trovare la sua strada e per scoprire che le attrazioni di questo luogo, in cui sua nonna fu incoronata Regina delle mele, sembrano del tutto scomparse. Quando una frana isola Appleton dal resto del mondo, inaspettatamente il villaggio si trasforma in un posto meraviglioso, abitato da creature leggendarie, ricco di stanze segrete e di fiori strani mai visti prima. La cosa più sorprendente è l’apparizione di un bellissimo sconosciuto che promette di riportare la fortuna e l’amore in quei luoghi, ma solo a condizione che almeno una delle tre donne creda alla magia di Appleton…(dalla quarta di copertina)

Allora. Questo romanzo poteva avere tutto: atmosfere magiche e accattivanti, personaggi approfonditi e pieni di spessore, una trama piena di mistero in bilico tra la realtà e la fantasia. Non ne ha azzeccata una. Davvero, aveva delle premesse incredibili, l’idea della trama era bellissima, fate, celti, piccolo popolo e tutto il cucuzzaro…ma ne è venuta fuori una roba scialba, priva di passione, semplice semplice. Ok, lo stile è scorrevole, ma in questo caso non fa che esaltare le pecche del romanzo, secondo me. I personaggi sono piatti, non ti dicono niente, per non parlare delle tre donne che mi sembrano una più infoiata dell’altra. Non c’è l’atmosfera del “mistero magico”, o meglio, all’inizio c’è, wow, sono bloccati sull’isola, chissà che succederà…ma il finale è qualcosa che ti fa cadere le braccia. Era pure strutturato bene, cavolicchia, con i capitoli inframmezzati da finti articoli di giornali (scritti bene tra l’altro): era figo. E mi casca così. No, davvero, mi ha proprio delusa.

La Biblioteca della Strega – La Via delle Fate

0

Un Viaggio verso mondi inesplorati.

Titolo: La Via delle Fate
Autore: Hugh Mynne
Prezzo: 12,90 euro
Data di pubblicazione: giugno 2002
Pagine: 195
Editore: Macroedizioni

Allora. Questo libro non parla di fate. O meglio, se cercate qualcosa che vi parli delle figure relative al Piccolo Popolo un po’ nel dettaglio, cercate altrove. Questo libro parla della Tradizione fatata (o feerica che dir si voglia). E’ una tradizione un po’ particolare, che a dir la verità non è spiegata particolarmente bene nel libro, a parte un po’ di storia all’inizio. Non parla delle feste, delle credenze e di tutte quelle cose che fanno parte di una tradizione pagana. Questo libro va dritto al punto: come entrare in contatto con il mondo feerico. Ci sono un sacco dii esercizi/meditazioni guidate per addentrarsi in questo universo e che credo siano abbastanza valide (anche se ancora non le ho provate). Addirittura c’è una meditazione per incontrare il proprio amante fatato (che detta così fa molto telenovela, ma il bello è che è una cosa seria). Il libro è serio, documentato e sicuramente valido. E’ interessante e apre a un nuovo modo di intendere il mondo fatato. Personalmente mi è piaciuto molto e lo consiglio vivamente.

La Biblioteca della Strega – Fate e creature magiche

0

Un libro magico per oltrepassare la soglia del mondo segreto delle fate ed entrare in contatto con la loro energia primordiale.

Titolo: Fate e creature magiche. La chiave del mondo segreto.
Autore: Cassandra Eason
Prezzo: 22,00 euro
Data di pubblicazione: novembre 2007
Pagine: 202
Editore: Venexia

Ho comprato questo libro d’istinto. Ultimamente sono alla ricerca di qualcosa che mi parli meglio e in maniera più chiara del mondo del Piccolo Popolo, e questo libro sembrava fare al caso mio. Non ho ancora capito se mi piace o no. Mi spiego: il libro è molto bello, scritto molto bene, indubbiamente grazioso (e le copertine della Venexia su di me hanno sempre un fascino irresistibile).

Ma non mi è ancora chiaro se l’autrice ci crede o no alle fate. Insomma, in un libro del genere ci dovrebbe essere un minimo di risposta di questo tipo: per tutto il tempo in cui l’ho letto ho avuto la sensazione che la Eason mettesse un po’ le mani avanti. Parla molto delle fate soprattutto in termini di “introspezione psicologica”, e questo va bene, perchè è un’interpretazione, e neanche campata per aria. Però non so, mi ha dato la sensazione come se in realtà lei volesse gridare a tutto il mondo “sì le fate esistono” ma non volesse essere presa per scema. O al contrario, che pensasse che siano un mero fatto psicologico ma avesse dei dubbi in merito. Insomma, non è chiaro.

In ogni caso si tratta solo di una mia sensazione: di fatto è l’unico difetto che ho riscontrato, perchè il libro è scritto molto bene, con argomenti molto buoni e capitoli dedicati ai vari tipi di creature magiche (quindi non solo fate): inoltre alla fine di ogni capitolo c’è un esercizio dedicato (uno in particolare, una meditazione per scrivere la propria storia sulle fate). Non vi aspettate rituali, non ce ne sono. In compenso da alcuni consigli per mettersi in contatto con questo mondo nascosto.