Ciak, si gira! – Animali Fantastici e dove trovarli

Tan tan tanananan, tan tan…tan!

 

 

E’ mai possibile che mi stavo mettendo a piangere già al logo della Warner Bros.?

Come forse non avrete mancato di notare, quando si parla di Harry Potter divento emotiva e il mio cervello comincia fare tanti bei crack. Evidentemente ho qualche problema.

In ogni caso, sono andata a vedere il nuovo capitolo della saga sul Mondo Magico (ormai per me è così che si chiama) con la Sister, drappeggiate nelle nostre magliette di Hogwarts (Serpeverde per me, Tassorosso per lei) (la strana coppia). Eravamo eccitatissime, e, devo dire, non siamo rimaste deluse.

Per chi non la sapesse già, breve riassunto del film (senza spoiler): è il 1926. Mentre nel mondo Babbano cominciano a profilarsi le idee che porteranno al potere il partito nazista in Germania, il mondo Magico vive un’atmosfera simile con i vari attacchi di Gellert Grindelwald e dei suoi seguaci, convinti sostenitori della necessità dei maghi di uscire allo scoperto e sbarazzarsi dei Babbani una volta per tutte. Dopo aver causato parecchi problemi in Europa, Grindelwald sparisce, facendo sospettare molti di aver lasciato il Vecchio Continente.

Cambio scena: a bordo di una nave, in avvicinamento al porto di New York, sta un giovane mago dalla zazzera rossa, tale Ron Weasley Newt Scamander. Con lui, una valigia a dir poco sospetta.
Il giovane Newton Artemis Fido Scamander, in giro con il suo cappotto azzurro e la sua sciarpa di Tassorosso, scende dalla nave e comincia a vagolare per New York senza una chiara meta, fino ad arrivare davanti a una banca. A quel punto succedono tre cose, più o meno in quest’ordine:

  1. Assiste a un comizio dell’Inquisizione Spagnola dei Secondi Salemiani
  2. Perde uno Snaso
  3. Scambia la valigia con quella di un aspirante pasticcere Babbano di nome Kowalsky

La Valigia. Che contiene tutti gli animali fantastici che Newt ha raccolto nei suoi viaggi.
Inevitabilmente, il Babbano apre la valigia, e alcuni animali scappano. Comincia così una caccia all’animale per New York degna dei migliori episodi di Pokemon.

Gotta catch’em all!

Sarà mica finita qui? Eccertocheno.
Mentre Newt vagola per la Grande Mela, un’oscuro essere semina il caos tra i Nomag (i Babbani), distruggendo cose e terrorizzando la città. Il Magico Congresso degli Stati Uniti d’America (MACUSA), nella persona dell’inquietante Auror Percival Graves, indaga…

Che dire di questo film?
Personalmente l’ho trovato molto immaginifico: gli effetti speciali abbondano, soprattutto per mostrarci tanti, bellissimi, nuovi animali Fantastici, tutti teneri e colorati. Ho amato il Thunder Bird, uno splendido uccello gigante che causa tempeste con le ali.
La trama mi è piaciuta: è sia allegra che oscura, con la giusta commistione di momenti ironici e divertenti e di momenti spaventosi degni dei Doni della Morte. Non è neanche così scontata come potrebbe sembrare.
I personaggi mi sono piaciuti: Newt è tenerissimo, ha ancora molto da mostrare, ma già in questo primo capitolo è assolutamente adorabile, con il suo essere palesamente più a suo agio con gli animali che con gli esseri umani. Kowalski mi ha fatto morire, probabilmente il mio preferito, il Babbano sovrappeso che finisce in questo mondo fantastico, ed è impossibile non sentirsi in sintonia con lui quando spalanca gli occhi di fronte a tutte le meraviglie che si ritrova davanti.
Tina e Queenie Goldstein, una ex-Auror impacciata, l’altra svagata Legilimens, non mi sono dispiaciute, soprattutto Queenie. Solo su Tina avrei da dire: è un personaggio che non ha mostrato molto di sè, che non è ancora nè carne nè pesce, quindi non so ancora bene cosa pensare di lei. Spero che nei seguiti sia presente e si apra un po’ di più.
Per quanto riguarda la famosa comparsata di Johnny Depp (sì, c’è anche lui)…no ragazzi, non ci siamo. Non è così che mi aspettavo il suo personaggio, mi è sembrata più una poracciata che altro.
La cosa più bella, secondo me, a parte gli animali, è stata l’ambientazione: New York, anni 20. Il proibizionismo unito alla forte reclusione dei maghi, al punto di non poter neanche fare amicizia con i Babbani. Gli operai, il progresso, la difficoltà per uno straniero di approdare in America (Newt passa da Ellis Island quando arriva), un chiaro segno dell’immigrazione del tempo. Hanno unito la parte storica dei Babbani con nuove informazioni sulla comunità magica internazionale. Una cosa riuscitissima e che mi è piaciuta davvero molto.

Per concludere: mi è piaciuto? Moltissimo. Lo consiglio? Tantissimo. Inizierò un’altra maratona di Harry Potter tanta è stata forte la nostalgia? Subitissimo.

Voto: 4/5

Sacerdotesse di Avalon

Storie Infinite – Novembre 2016

libri-fantasy-isola-illyon

Benvenuti, amici carissimi, a una nuova puntata di Storie Infinite, il tema del mese della nostra bella Biblioteca!

Mi ritrovo qui, in questa bella giornata novembrina, in maniche corte e capelli sporchi, per comunicarvi il tema di questo mese, e ricordarvi che siete tutti invitati a partecipare!
Cosa potete fare è presto detto: se commentate a questo post con il link a un post che rientri nel tema del mese (recensioni, racconti, video, quello che volete), alla fine del mese il vostro contributo comparirà nel Monthly recap, per la gioia di tutti. Le regole potete trovarle QUI.

Il mese scorso non si è visto nessuno, ma io non demordo! Se avete domande scrivetemi pure!
Intanto vi dò il benvenuto al tema di Novembre:

Animali fantastici

Come forse molti di voi sanno, il 17 di questo mese uscirà Animali fantastici e dove trovarli, il nuovo film della saga di Harry Potter, per la gioia mia e di tutti i Potteriani di questo mondo. E siccome la cosa mi prende assai, ho deciso di dedicare il tema di Novembre proprio alle creature fantastiche di tutti i tipi: quindi draghi, minotauri, elfi domestici, goblin, animali parlanti, gnomi, fate, nani e chi più ne ha più ne metta.
Per entrare un po’ nell’atmosfera, ecco qualche piccola dritta:

Il libro: 

Fate e creature magiche – Cassandra Eason

Un saggio dedicato al magico mondo delle fate e delle creature incantate. Un viaggio alla scoperta delle leggende sul Piccolo Popolo, sulle varie creature che lo compongono, da quelle dolci e gentili a quelle più temibili e pericolose, con una serie di esercizi pratici per lavorare con questi esseri affascinanti.

Il Film: 

Il Labirinto del Fauno

La storia di una bambina, che scopre di essere la figlia del Re del Mondo Sotterraneo, di un labirinto che è un portale, di un Fauno guardiano, di tre prove incredibili, di violenza, guerra, amore e innocenza. Ma cosa è reale? Cosa no? E dopo tutto, ha davvero importanza?
Una favola agrodolce nella Spagna di Franco.

La Serie: 

Merlin

Un giovane mago giunge in un regno in cui è vietato l’uso della magia, pena la morte. Un antico drago lo designa come guida e supporto del principe, colui che, secondo la leggenda, riunirà la terra di Albion. Il giovane mago dovrà usare tutti i suoi poteri per aiutare e sostenere quel principe, a cui è legato da affetto e amicizia, e per non far scoprire la propria natura e rischiare così la morte.
Una delle storie più antiche del mondo, rinarrata in una nuova forma, con mille avventure, magie, creature magiche e bizzarre e destini che si intrecciano in quel grande arazzo che è la leggenda di Re Artù…

La Canzone: 

Che le Storie Infinite siano con voi!

Storie Infinite – Monthly Recap #1

libri-fantasy-isola-illyon

E siamo arrivati al 31: l’aria fredda vibra delle risate dei bambini e dei preparativi per la festa di stasera, o dello sfogliare le pagine dei fumetti comprati a Lucca con il sonno nel cuore e la prospettiva di passare la serata in pigiama (tipo io). Siamo così arrivati alla fine del primo mese di Storie Infinite ed è giunto il momento di tirare le fila. Che dire? Speravo di riuscire a fare più recensioni, ma l’universo è stato decisamente contro di me, quindi chiudiamo il mese con solo due recensioni. Qualcosa di più sono riuscita a farla con le rubriche, ma oh, non è che posso pubblicare solo quelle!
Mi è dispiaciuto di non aver ricevuto partecipazione da altri, ma forse non erano chiare le regole o altro? Se volete farmi sapere cosa ne pensate mi farebbe molto piacere!
Passiamo ora al recap per il tema di Ottobre:

Halloween

Sacerdotesse di Avalon

Presentazione tema Ottobre 2016

Recensioni:

  1. Shadowhunters
  2. Trigger Warning – Neil Gaiman

Rubriche:

  1. Teaser Tuesday #2 – Storie di fantasmi
  2. Halloween Book Tag
  3. SongStories #1

 

Anticipazioni per il prossimo mese:

Innanzitutto, proseguiremo con le nostre solite rubriche, Teaser Tuesday, SongStories, 5 libri che... e, naturalmente, Storie Infinite.
Probabilmente ci saranno due novità. una legata al mondo delle fanfiction e l’altra più legata al mondo dei viaggi. Per il secondo caso, probabilmente comincerò a scrivere una serie di post sui viaggi che faccio e i posti che vedo, e il primo sarà dedicato proprio al Lucca Comics and Games. Inoltre, penso farò un video per mostrarvi tutti gli acquisti che io e la Sis abbiamo fatto in questa occasione.

Per quanto riguarda il tema di Novembre, ho pensato e ripensato, e penso che sarà qualcosa di speciale…
Vi lascio un piccolo indizio:

 

Fantàsia – Harry Potter e la Maledizione dell’Erede

31302742

Titolo: Harry Potter e la Maledizione dell’Erede
Autore: J.K.Rowling, John Tiffany, Jack Thorne
Data di pubblicazione: Luglio 2016
Pagine: 368 pp
Editore: Salani
Trama: L’ottava storia.
Diciannove anni dopo…
È sempre stato difficile essere Harry Potter e non è molto più facile ora, da impiegato al Ministero della Magia, oberato di lavoro, marito e padre di tre figli in età scolare.
Mentre Harry Potter fa i conti con un passato che si rifiuta di rimanere tale, Albus, suo secondogenito, deve lottare con il peso di un’eredità famigliare che non ha mai voluto. Quando passato e presente si fondono in un’oscura minaccia, padre e figlio apprendono una scomoda verità: il pericolo proviene a volte da luoghi inaspettati.
Basato su una storia originale di J.K. Rowling, John Tiffany e Jack Thorne, Harry Potter e la Maledizione dell’Erede è un nuovo spettacolo di Jack Thorne. È l’ottava storia della serie di Harry Potter e la prima a essere rappresentata a teatro. Questa Edizione Speciale Scriptbook del testo teatrale porta la nuova avventura di Harry Potter, dei suoi amici e della sua famiglia ai lettori di tutto il mondo, in seguito alla première che si è tenuta nel West End di Londra il 30 luglio 2016.
Lo spettacolo Harry Potter e la Maledizione dell’Erede è prodotto da Sonia Friedman Productions, Colin Callender e la Harry Potter Theatrical Productions.

Ivory-Tower-the-neverending-story-690136_1024_640

STO PIANGENDO.

Risultati immagini per my emotions doctor gif
Mia mamma mi ha portato questo libro sei ore fa scarse e l’ho già finito. L’ho. Già. Finito.
Non mi sentivo particolarmente ansiosa di leggere questo nuovo capitolo targato Harry POtter, perchè avevo già letto la trama, avevo sentito plotoni di gente dire le peggio cose su di esso…insomma, ero solo moderatamente curiosa.
E allora perchè quando ho avuto il libro in mano piangevo? Perchè?

Harry Potter mi è mancato da morire. Leggere le prime battute di questo script è stato un colpo al cuore, un ritorno alla cara vecchia Hogwarts, alla magia, al binario 9 e 3/4, a tutte quelle belle cose con cui sono praticamente cresciuta. E ho pianto viscido.

Risultati immagini per my emotions doctor gif
Prima di procedere con la recensione, vorrei ricompormi fare presente una cosa: sarò assolutamente di parte. C’è sempre molta passione nelle mie recensioni, e lo sapete, ma bene o male cerco di giudicare le opere con occhio più critico possibile. Con questo libro non ci riesco. Non è possibile, è più forte di me, e voi avete il diritto di sapere che state per leggere il commento di una che stava piangendo solo a guardare la copertina solo perchè c’era scritto Harry Potter. Detto ciò.

La storia comincia esattamente dove si era interrotto I Doni della Morte. Famiglia Potter Weasley Granger sul binario, a salutare la prole in partenza verso il collegio. In particolare, ci vengono mostrati Rose Granger Weasley e Albus Severus Potter, figli del Golden Trio e al loro primo anno a Hogwarts. Dopo piagnistei che ben conosciamo (no, papà, Serpeverde no!) i due pargoli vengono spediti sul treno in partenza, dove Albus si incontra e si scontra con Scorpius Malfoy. Mentre Rose pretende di passare oltre, Albus decide di fare amicizia con questo ragazzino un po’ nerd e pieno di dolcetti. E così comincia la storia.

Va ricordato che non è un romanzo: è uno script. Una sceneggiatura, un copione, chiamatelo come vi pare, è comunque un testo teatrale, concepito per essere portato a teatro. Romeo e Giulietta, per intenderci. Mancano le descrizioni, quello stile immaginifico per cui la Rowling è tanto famosa, mancano le magnifiche invenzioni che lei metteva, qualcosa di nuovo a ogni libro che usciva. Più che un ulteriore capitolo, questo script è una cosa a metà tra una fyccina e un omaggio alla saga.
La trama, in sè e per sè, mi ha emozionato: anche se bene o male già la conoscevo, ero curiosa di vedere cosa sarebbe successo, come si sarebbe arrivati alla Grande Rivelazione, quante cazzate avrebbe fatto Harry prima di concludere: in quest’ultima parte non sono stata delusa. C’è da dire che è una trama tipica da fanfiction, con i viaggi nel tempo, l’aggirare (ma proprio tanto!) le regole dell’opera originale, la Mary Sue (Delphini, con i suoi capelli argento e blu. Argento e blu! Ma ci rendiamo conto?). Quindi se siete di quelli che odiano le fanfiction, a questo libro vorrete dare fuoco. Ve lo assicuro.
I personaggi sono, bene o male, quelli che già conosciamo: Harry è sempre un cazzone, Hermione è una tosta fatta e finita, Ginny è un po’ più materna, Ron un po’ più scemo, Draco…io vorrei sapere cos’è successo a Draco in questi diciannove anni. Qual è la sua storia. Perchè sappiamo che alla fine i Malfoy avevano fatto dietrofront e Fuck this shit, I’m out. Ma comunque il Malfoy della Maledizione dell’Erede è più simile a Piton che a Lucius. Fa pensare.
I due protagonisti sono adorabili: specialmente Scorpius, che, lungi dall’essere la fotocopia del padre, è adorabilmente nerd, pasticcione, intelligente e spiritoso. E’ un cucciolino. Albus invece è un cazzone come suo papà. Infine Rose è da prendere a sassate sui denti, capisco perchè Albus la snobba all’inizio del libro.
Sono molto curiosa di vedere come è stato trasposto a teatro: c’è azione, incantesimi a ogni piè sospinto con gli effetti più assurdi, e sarebbe interessante vedere come hanno trasposto questi effetti speciali su un palcoscenico.
Che dire di più? Ho trovato belle le dinamiche, il rapporto tra Scorpius e Albus (che è a tanto così dallo slash, per restare in gergo fanfiction), quello tra i ragazzi e i loro padri, le realtà alternative che si trovano a vivere per aver usato la Giratempo, il ritorno di tanti vecchi personaggi…insomma, io mi sono emozionata a ogni parola.
Concludo dicendo questo: non è un capolavoro. Non è neanche ai livelli della saga originale. Ma ti riporta a Hogwarts, e a me, che sono entrata in quel mondo diciannove anni fa (anno più, anno meno), sinceramente tanto basta.

Voto: non ce la posso fare.