Fantàsia – L’Accademia del Bene e del Male

1

25106508

Titolo: L’Accademia del Bene e del Male
Autore: Soman Chainani
Data di pubblicazione: Maggio 2013
Pagine: 501 pp
Editore: Mondadori
Trama: Sophie e Agatha sono da sempre amiche del cuore e non vedono l’ora di scoprire cosa significhi studiare nella leggendaria Accademia del Bene e del Male, dove ragazze e ragazzi normali vengono preparati a diventare gli eroi e i cattivi delle fiabe. Con i suoi eleganti abiti rosa, le scarpette di cristallo e la passione per le buone azioni, Sophie sa che otterrà ottimi voti nella Scuola del Bene. Agatha invece, con i vestiti neri e informi e il carattere scontroso sembra una perfetta candidata per la Scuola del Male. Quando arrivano all’Accademia le due ragazze fanno una scoperta sorprendente: Sophie finisce nella Scuola del Male a seguire lezioni di Imbruttimento, Trappole mortali e Storia della Cattiveria, mentre Agatha si ritrova nella Scuola del Bene, a lezione di Etichetta principesca. Si tratta di un errore? O forse il loro autentico carattere è diverso da ciò che tutti credono? Per Sophie e Agatha comincia un viaggio in un mondo straordinario, dove l’unico modo per uscire dalla fiaba è viverne una fino alla fine. 

Ivory-Tower-the-neverending-story-690136_1024_640

Ehhh qua ci sarebbe da parlarne parecchio.

Cominciamo con il raccontarvi come mi è arrivato tra le mani questo libro: dopo almeno un anno in cui una mia cara amica ha continuato a consigliarmelo caldamente, arriva un giorno mia sorella dal lavoro (bibliotecaria pure lei. Non fate domande) con questo in mano. Va a finire che me lo porto in Germania, e nelle fredde serate amburghesi me lo sono divorato.

Dentro la foresta primordiale
c’è un’Accademia del Bene e del Male.
Ci son due castelli, come teste gemelle:
uno benigno
l’altro maligno.
Prova a fuggire: le vie son bloccate.
L’unica uscita è una storia di fate.

Il libro parla di due amiche, Sophie, bellissima, biondissima e levissima, e Agatha, piccola brutta e nera. Come possano essere amiche è un mistero per chiunque, considerati i caratteri diametralmente opposti: Agatha è cinica e realista, mentre Sophie è una romantica senza speranza.
Le due vivono a Gavaldon, un paesino circondato da una foresta infinita e insuperabile, dove ogni quattro anni vengono rapiti due ragazzi. Il destino di questi poveri fanciulli è presto svelato: verranno portati in un luogo incantato, l’Accademia del Bene e del Male, dove verranno addestrati a dovere per essere i Buoni e i Cattivi delle favole.
Incredibilmente, quell’anno sono Sophie ed Agatha a essere rapite. Ma ecco la sorpresa: la bella, romantica e gentile Sophie finisce alla scuola del Male, mentre Agatha, brutta, sarcastica e solitaria, viene ammessa alla scuola del Bene.

plot twist

Immaginatevi le reazioni: Agatha e Sophie sconvolte e costernate, i loro compagni perplessi e in certi casi addirittura ostili, tentativi di fuga da parte di Agatha, tentativi di farsi cambiare scuola da parte di Sophie, fate e lupi mannari sul piede di guerra…insomma, un vero macello.

La parte da novanta, in questo libro, la fa l’ambientazione: non solo l’Accademia, organizzata in modo complesso, ma anche il mondo al di là, appena accennato ma che dà l’idea di essere molto più complicato di quello che sembra (e che spero verrà approfondito nei prossimi libri). Va detto, però, che molti punti non sono del tutto chiari, tra cui cosa comporta essere Buoni o Cattivi. Anche in questo caso, confido nei prossimi volumi
La trama è avvincente, piena di colpi di scena e plot twist inaspettati. I personaggi sono bizzarri, ben tinteggiati e caratteristici e lo stile è piacevole e scorrevole.
C’è un però: in molti casi ho avuto la sensazione di eventi senza una spiegazione logica. Sembrano messi un po’ di fretta, velocemente, senza dar loro il tempo di “sedimentare”. Questo ha inficiato parecchio la lettura.
Ciononostante, l’ho trovato un libro molto carino e piacevole e penso che continuerò con la saga.

Voto: 3/5

Annunci

Galaxy Quest – Winter

0

35239333

Titolo: Winter
Autore: Marissa Meyer
Data di pubblicazione: Novembre 2015
Pagine: 660 pp
Editore: Mondadori
Trama: La giovane principessa Winter è molto amata dal suo popolo per la sua grazia e la sua gentilezza. E, nonostante le cicatrici che ne deturpano il volto, è considerata uno splendore dai Lunari, anche più della regina Levana, la sua matrigna. Winter, poi, disprezza la sovrana con tutta se stessa, anche perché sa che la donna non approverà mai i suoi sentimenti per il bel Jacin, amico d’infanzia nonché guardia del palazzo. Ma Winter non è la fragile creatura che Levana pensa che sia. Infatti, la ragazza ha l’occasione di privarla del suo potere. E ora, grazie all’aiuto della cyborg Cinder e delle sue alleate, le viene offerta la possibilità concreta di dare inizio a una rivoluzione che rovesci la sovrana e ponga fine così alla guerra che infuria ormai da tanti, troppi anni. Riusciranno Cinder, Scarlet, Cress e Winter a sconfiggere Levana e a trovare ognuna il proprio lieto fine? In questo ultimo volume delle “Cronache lunari”, Marissa Meyer costruisce un finale mozzafiato che di certo non deluderà i tanti fan della serie.

fantascienza

Siamo infine giunti alla conclusione di questa saga. Vorrei ringraziare tutti coloro che ci hanno fatto compagnia fino a qui, il maggiordomo Ambrogio, Jarvis per l’assistenza tecnica, Maugrim per la preparazione biscotti…

Tornando seri. Ho finito Winter, l’ultimo volume della saga delle Cronache Lunari. Dopo Cinder, Scarlet e Cress, siamo finalmente giunti alla conclusione delle vicende e al (forse) E vissero felici e contenti di ogni fiaba che si rispetti.
Ma procediamo con ordine.

Avevamo lasciato i nostri eroi a progettare un assalto alla Luna, dove sperano di scatenare una rivoluzione che metterà per sempre fine al regno della regina Levana.
Da cui si evince subito che l’ambientazione di questa finale di saga sarà il nostro satellite, bianco, misterioso e freddo come la neve. Va detto, è appurato che Madame Meyer con le descrizioni non ci sa molto fare, almeno secondo il mio punto di vista: c’era giusto un po’ di atmosfera, ma per il resto non mi sentivo molto “coinvolta” dal paesaggio, anche se nel corso dei libri è andata un po’ migliorando.
La fiaba di questo episodio è, abbastanza chiaramente, Biancaneve, aka Winter, figliastra di Levana e principessa della Luna, fanciulla buona, gentile e completamente matta: è infatti vittima della pazzia lunare, che colpisce tutti i Lunari che non usano il proprio Dono. Questa parte del suo carattere la rende un personaggio bizzarro, che non manca di coraggio e di un pizzico di furbizia. E’ quasi una Mary Sue, ma è difficile odiarla, per come la vedo io.
Devo dire che, in questo libro, il rapporto azione-sviluppo personaggi pende molto verso la prima: ci sono molti avvenimenti, anche cruenti, in un’atmosfera che ricorda un po’ il terzo volume di Hunger Games, che trascinano il lettore e tengono con il fiato sospeso praticamente fino all’ultimo. D’altro canto, l’introspezione psicologica è lasciata, per così dire, un po’ allo stato brado: non ho notato uno sviluppo ben delineato, a differenza degli altri libri.
Il finale è più o meno come me lo aspettavo, magari un po’ meno cruento (sò sanguinaria, che ci volete fà), ma pienamente soddisfacente: mi è piaciuto in particolare come Cinder si ritrova a gestire il post-rivoluzione, senza che il suo personaggio ne venisse snaturato.
Non ho notato grandi cambiamenti di stile: è rimasto pulito, scorrevole, con quei momenti di poesia che non sono affatto fuori luogo.

Per concludere questa recensione stiracchiata (ho caldo…non ce la posso fare) penso che si tratti comunque di un buon libro, degno finale di una buona saga, che consiglio nella sua interezza.

Voto: 4/5

 

Ciak, si gira! – Kubo and the Two Strings

0

…scusate, non penso di farcela *si soffia il naso*

Kubo è un piccolo cantastorie senza un occhio: ogni mattina, si sveglia nella caverna dove vive con la sua mamma, le prepara il riso, fa qualche origami per farla sorridere e, appena la campana segna il levarsi del sole, scende al villaggio. Lì, passa la giornata raccontando storie sul grande eroe Hanzo, suo padre, animando gli origami con una segreta magia. Ma Kubo non riesce mai a finire le sue storie: ogni sera, appena la campana suona al calar della notte, lui scappa di corsa verso casa. Là, sua madre gli racconta altre storie, e gli ripete sempre gli stessi tre ammonimenti: uno, portare sempre con sè l’amuleto a forma di scimmia, due, indossare sempre il kimono di suo padre, tre, non stare mai fuori di casa con il buio, altrimenti suo nonno, il malvagio Re Luna, sarebbe arrivato per prendersi l’altro suo occhio.
Ma una sera Kubo, senza volere, disobbedisce…

Risultati immagini per kubo gif

Kubo and the two strings, in Italia Kubo e la spada magica (quale spada magica???) è un piccolo gioiellino dell’animazione in stop-motion. Candidato all’Oscar come Miglior film di animazione, che poi gli è stato soffiato da Zootropolis (e qua mi fermo, se no mi parte la polemica), narra l’avventura di un ragazzino, alla ricerca di un’armatura magica, in compagnia di una scimmia parlante e un uomo-scarabeo con l’amnesia, inseguito da terribili donne mascherate. E’, sostanzialmente, la storia di una famiglia divisa, di un ragazzino che ne fa le spese e che, in qualche modo, riesce a uscirne più forte e più saggio.

Per dire il mio giudizio in tre parole: preparate i fazzoletti.

Risultati immagini per sob gif

Questo è uno dei film più commoventi che abbia mai visto, giuro che non piangevo così tanto dai tempi di Titanic (va beh che ultimamente ho la lacrima facile). La trama è bella, forse con qualche buchino qua e là, ma poetica ed epica allo stesso tempo. Le atmosfere orientaleggianti ci trasportano in un mondo di samurai e magia, con una colonna sonora assolutamente all’altezza, un buon doppiaggio (l’unico che mi inquieta è Kubo, ma gli altri sono eccelsi) e dei personaggi resi molto bene, dalla madre combattiva, alla scimmia iperprotettiva e sarcastica, all’uomo-scarabeo smemorato e spiritoso, al piccolo Kubo, così piccolo e già così filosofo.
Anche la grafica fa la sua parte: non una delle grafiche migliori che abbia mai visto (la stop motion non è esattamente la mia tecnica preferita, visivamente parlando) ma comunque pregevole.
Insomma, sicuramente si tratta di un film estremamente piacevole, commovente ma con un finale comunque degno.
Lo consiglio vivamente a grandi e bambini,

Voto: 4/5

Il Trailer:

Donne Ribelli – Donne che corrono coi lupi (2.0)

0

http://sognidiunanottedilunapiena.files.wordpress.com/2013/01/libro.jpg

Titolo: Donne che corrono coi Lupi
Autore: Clarissa Pinkola Estés
Data di pubblicazione: 1992
Pagine: 503
Editore: Frassinelli
Trama: Clarissa Pinkola Estés, psicanalista junghiana nonché maestra indiscussa nella ricerca della felicità per milioni di donne, ripropone in una versione ampliata, aggiornata e ricca di approfondimenti l’intramontabile capolavoro di arte, poesia, psicologia e spiritualità che, dagli anni Novanta, continua ad affascinare e influenzare intere generazioni. La Donna Selvaggia, intesa come forza psichica potente, istintuale e creatrice, lupa ferina e al contempo materna, ma soffocata da paure, insicurezze e stereotipi è la straordinaria intuizione che ha fondato una psicanalisi del femminile. E ha cambiato la vita di moltissime persone. Non meno originale è il metodo utilizzato dalla studiosa che, attraverso un lavoro di ricerca ventennale, ha attinto alle fiabe e ai miti presenti nelle più diverse tradizioni culturali, per aiutare il lettore a scoprire chi è veramente, a liberarsi dalle catene di un’esistenza non conforme ai bisogni più autentici e a “correre” con il proprio Sé. Barbablù, La Piccola Fiammiferaia, Vassilissa, Il Brutto Anatroccolo… Fiabe udite durante l’infanzia e trasformate, in questo testo unico e ora ancora più chiaro e completo, in magiche suggestioni per crescere interiormente.

centurion02

E’ la seconda volta che leggo questo libro e la seconda volta che ne faccio la recensione. Ho deciso di rifarla per tre ragioni: uno, mi serve per una challenge; due, ho capito molto di più da questa rilettura di quanto avessi capito qualche anno fa; tre, la vecchia recensione mi fa schifo. Ve la lascio comunque a disposizione qui, sia mai che qualcuno volesse fare un confronto.

Ho convinto il moroso a regalarmi questo libro per Yule, perchè volevo tantissimo avere una copia mia da leggere e rileggere quando avessi voluto. Ovviamente appena ottenuto non ho potuto fare a meno di rituffarmici a capofitto appena ottenuto.
Per chi non lo sapesse, si tratta di un saggio (quindi non un romanzo) che si potrebbe catalogare come psicologia, ma non è solo questo: è un testo profondamente poetico sulla psiche umana, in particolare quella femminile, e su una parte di essa che l’autrice definisce La Donna Selvaggia.
Chi è questa Donna Selvaggia? Cosa ci fa nelle nostre teste e nei nostri cuori? Cosa vuole, come agisce?
E’ presto detto: la Donna Selvaggia è la parte più vicina all’anima che c’è in ogni donna. E’ quella parte che ci fa alzare in piedi invece di strisciare per terra, quella che ci aiuta a gridare la verità invece di rimanere in silenzio, quella che ci fa andare nei boschi a piedi scalzi, che ci fa tuffare le mani nella terra nuda, invece di rimanere sedute composte e sorridenti. E’ la parte più vera dell’anima di una donna.
In questo libro, la Estès ci parla di lei, e a lei, tramite una serie di fiabe e storie, che vengono poi sviscerate e analizzate dal punto di vista psicologico: ci porta a conoscere tutta una serie di personaggi della psiche, alcuni saggi e meravigliosi, come La Loba, la Donna-Scheletro, Baubo, e altri spaventosi, come il predatore naturale, il Diavolo.
Tramite fiabe popolari come Barbablu, Il Brutto Anatroccolo, La Piccola Fiammiferaia, l’autrice ci porta in un viaggio nei meandri più oscuri e misteriosi della psiche, alla ricerca della nostra parte più vera, dei modi per comunicarci e per non lasciarla andare una volta trovata.
Questo libro è ricco di intuizioni, di poesia, di magia, ma attenzione: non leggetelo tutto d’un fiato. A parte il fatto che non ce la fareste (come libro è estremamente denso), non è neanche consigliabile: per assimilare a dovere ogni concetto, ogni strada, ci vuole tempo e pazienza. Non stupisce che sia diventato oggetto di studio: ogni volta che lo si rilegge si capisce qualcosa in più.
Ma è un libro che possono leggere solo le donne? Assolutamente no: a parte il fatto che determinati aspetti della psiche sono universali, e quindi anche gli uomini possono trarre un grande beneficio da questa lettura, una maggiore comprensione dell’universo Femminile, al di là di trucchi e merletti, può aiutare molto i nostri amici non solo nel saperci meglio prendere, ma anche nella propria comprensione. Inoltre, è presente un capitolo dedicato proprio all’Uomo Selvaggio che consiglio a qualsiasi uomo di leggere.
Questo libro si fonda soprattutto s un concetto, che io ho fatto mio e che mi ha influenzato notevolmente da quando l’ho capito, come se fosse qualcosa che già sapevo: le storie cambiano le persone. Sono una specie di medicina per l’anima, e la storia giusta al momento giusto può fare miracoli. Non solo, ma ogni storia racchiude in sè un tesoro profondo, celato agli sguardi distratti. Vale sempre la pena scavare un po’ per trovarlo.
Per concludere, questo è uno dei libri più belli che abbia mai letto in vita mia, con contenuti che ritengo universali e preziosi, e pertanto che consiglio vivamente la lettura (e la rilettura) a chiunque.

Voto: 5/5

Teaser Tuesday #5

4
elfi
Rieccoci con il  Teaser Tuesday, la rubrica creata dal blog Should be Reading che consiste nel condividere uno spezzone del libro che si sta leggendo. Settimana scorsa ho saltato (di nuovo ç_ç), che ci volete fare, la vita vera si mette sempre in mezzo (non mi ero affatto dimenticata, no no.)
Anyway, questa settimana sono alle prese con un libro di Cornelia Funke, Reckless, che sinceramente…non è che mi stia entusiasmando più di tanto. Infatti a finirlo ci sto mettendo un botto.
Comunque, vi avevo promesso un bel teaser e quindi eccolo qui: enjoy!
Regole del teaser tuesdays:
  • Prendi il libro che stai leggendo in una pagina a caso; 
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina
  • Ocio agli spoiler!
  • Riporta anche il titolo e l’autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall’estratto.

Reckless. Lo Specchio dei Mondi – Cornelia Funke – pag.  – Mondadori

9719981

“Fata.
Maledetta, lei e la notte in cui era apparsa improvvisamente nel loro accampamento. La terza battaglia, la terza vittoria. Si era diretta verso la tenda del re, come fosse nata dai gemiti dei feriti e dalla luna bianca che si stagliava nel cielo sopra i cadaveri. Hentzau le si era parato davanti per fermarla, ma lei gli era semplicemente passata attraverso, come l’acqua attraverso una roccia porosa, quasi fosse già morto anche lui. E aveva rubato il cuore al suo re, per riempire il proprio petto che ne era privo.
Anche Hentzau doveva ammettere che persino le loro armi più sofisticate erano di gran lunga meno temute della maledizione che trasformava gli uomini in Goyl.
Ma era sicuro che avrebbero vinto la guerra anche senza di lei, e la vittoria, in quel caso, avrebbe avuto un sapore meno amaro.
-Troverò il Goyl di Giada anche senza le vostre falene – dichiarò.-Sempre che, effettivamente, non si tratti solo di un sogno.
La fata si limitò a rivolgergli un sorriso che lo seguì fuori, alla luce del giorno che gli offuscava la vista e gli sfaldava la pelle come fosse tenera argilla.
Maledetta.”

E voi? Quali sono le vostre letture attuali?

Fantàsia – Di impossibile non c’è niente

0

 

23643234

Titolo: Di impossibile non c’è niente
Autore: Andrea Vitali
Prezzo: 12,90 euro
Data di pubblicazione: Gennaio 2014
Pagine: 160 p
Editore: Salani
Trama: Proprio davanti alla casa del bambino Gelso c’è un bosco meraviglioso, dove i pupazzi di neve resistono per giorni, nascono certe fragoline insapori ma bellissime e gli alberi vegliano sui cespugli. Ma adesso il bosco è in pericolo: vogliono abbatterlo per costruirci case, altre case e ancora case, come se non fossero abbastanza quelle che stanno soffocando impietose la natura tutt’intorno.
Per Gelso c’è solo una speranza, scrivere una lettera agli unici che conoscono bene il valore delle cose semplici, quelle che sanno fare la gioia dei bambini: i personaggi della tradizione. Ma i tempi sono cambiati, e i Sette Nani, il Topolino dei Denti, la Cicogna che Porta i Bambini, Babbo Natale e tanti altri hanno ormai scelto di ritirarsi, dimenticati da tutti, a respirare l’ultima aria buona nel tranquillo ospizio Vistalago. Riuscirà il richiamo disperato di un bambino a far scattare in loro l’antico orgoglio? C’è veramente ancora spazio per loro in un mondo tecnologico in continuo cambiamento?
Dopo il successo dei libri per ragazzi di Luis Sepúlveda e Daniel Pennac, Andrea Vitali incanterà i lettori bambini e quelli che lo ridiventeranno leggendo questa favola moderna, allegra e delicata, ma che tocca anche temi profondi come l’importanza della tradizione e dell’amore per la natura. Una storia magica che ha la grazia della fiaba e la forza di un romanzo.

No allora, siamo seri.
A me piacciono le storie tipo Sepulveda (La Gabbianella e il Gatto) con la Befana e Babbo Natale e gli animali che parlano e tutto.
Però Vitali no.
E’ la prima volta che lo leggo e penso che se scrive per gli adulti come scrive per i bambini stiamo freschi: perchè non ci siamo proprio.
Andrea, caro Andrea, ti dò un’informazione, anzi due: i bambini non sono scemi. E non conoscono la Divina Commedia, a meno che non si siano mangiati le pagine con l’omogeneizzato. Quindi è inutile che infarcisci un libro dedicato a loro (era questo il tuo intento, no?) con citazioni colte: non le capiscono. D’altro canto, capiscono benissimo quando una storia è stupida. E questa storia è stupida. Senza capo nè coda, non è neanche nonsense! Non c’è un’organicità, una processione lineare! Inserisce personaggi (troppi) a caso che fanno cose a caso.
Per carità, il messaggio è bellissimo: il bisogno che c’è di credere in questi personaggi, in un mondo troppo soffocato dal cemento e dalla fredda razionalità degli adulti e tutto il resto. E’ una cosa che adoro e in cui credo fermamente. Ma con il libro proprio non ci siamo.
Lo stile è quello che è: uno zibaldone tanto quanto il libro. Non si capisce quello che dice o dove vada a parare, frasi che si contraddicono le une con le altre, insomma, un vero macello.
I personaggi sono molto stereotipati, ma questo lo posso capire, visto che si tratta di un libro per giovani menti, anche se Babbo Natale che decanta versi non so che senso abbia, anche se è bellino. E contradditori, pure.
L’ambientazione è nonsense puro, ma non è male: è fantasiosa e piacevole (almeno quella).
Il finale non l’ho proprio capito, sinceramente: nonsense come tutto il resto, direi, ma ha dato la sua botta di vita.
Insomma, carina l’idea, ottimo il messaggio, buono l’intento. Pessimo il libro.

Voto: 2/5