5 libri che…fanno ridere a crepapelle

1

E’ sabato due Aprile, gli uccellini cinguettano, i prati fioriscono, e noi siamo tutti qui che cerchiamo di toglierci i pesciolini dalla schiena. E siccome noi della Biblioteca siamo tutti più buoni, abbiamo deciso di dedicare questa top 5 alla parte più bella del Pesce di Aprile: quella che ci fa ridere come matti! Quindi ecco a voi…

Donna-libro

…fanno ridere a crepapelle

Guardate, personalmente non sono molti i libri che mi fanno scompisciare, al massimo un leggero sollevarsi del labbro o un piccolo sbuffo. Ma ce ne sono alcuni che mi sono rimasti nel cuore per quanto mi hanno fatto piangere dal ridere. Eccoli qui:

1)Tre uomini in barca (per tacer del cane) – Jerome K. Jerome

12750653

Questo è davvero, senza ombra di dubbio, uno dei grandi classici della letteratura. E fa pisciare.
Ve lo giuro, si ride dalla prima all’ultima pagina. Saltando le parti da guida turistica, ovviamente (è nato come guida turistica. Poi l’editore ha obbligato Jerome a tagliare il tutto. Grazie al cielo). La storia tragicomica di tre amici, uno più scemo dell’altro, e di un cane, che se ne vanno a farsi una gita in barca sul Tamigi. Ovviamente gliene capitano di tutti i colori e anche cuocere un uovo diventa una sfida ai limiti della realtà.
Consigliato: a chi ama lo humor inglese.

2) La metafisica dei tubi – Amélie Nothomb

5502209

Allora, ragazzi, parliamoci chiaro: lo so che non ha proprio l’aria di un libro umoristico. Ma fidatevi: lo è. La signora Nothomb ha una specie di talento per trasformare delle normalissime vicende in qualcosa di comico. E’ tipo sarcasmo puro, non so come faccia! Questo libricino (davvero minimo) parla dei primissimi anni di vita dell’autrice, ma in un modo talmente…filosofico e senza senso che non si può non ridere.
Consigliato: a chi ama la filosofia nonsense.

3) Il Tristo mietitore – Terry Pratchett

 9687412

Sentite, non potevo fare una rubrica dedicata a libri comici e non metterci Pratchett. Non potevo. Era semplicemente inammissibile.
Devo dire che sceglierne uno è stata dura, e io ne ho letti pochi! Ma alla fine sono ricaduta su uno dei miei libri preferiti del Sommo, cioè Il Tristo Mietitore. All’improvviso la Morte viene licenziata, e il mondo comincia a popolarsi di zombie. Non vi dico le risate. Oltretutto Morte è sempre stato uno dei miei personaggi preferiti, è adorabile ❤
Consigliato: a chi ama il fantasy.

4) Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo – Rick Riordan

Oh dai, non ditemi che non lo conoscete! Questo adorabile, pucciosissimo, sarcastico semidio adolescente! Sul serio non sapete di chi sto parlando?
Ok, la saga di Percy Jackson non è nata come comica, nè fa sganasciare quanto un Pratchett, ma il protagonista (nonchè voce narrante) ha un sarcasmo nel raccontare che è fantastico. No, sul serio, è incredibile come riesca a farti ridere anche nelle situazioni più disperate. E poi chi è che riesce a rimanere serio di fronte a cose come una ragazzina che tira una spazzola in testa a Cronos?
Consigliato: a chi ama la mitologia e le storie da adolescenti.

5) Buona Apocalisse a tutti! – Gaiman/Pratchett

9714281

Allora. Di cosa parla si capisce già dal titolo, no? E’ l’Apocalisse. Con i Quattro Cavalieri Motociclisti. E l’Anticristo. Che in questo caso è un bimbo di dieci anni circa.
E ora, guardate un attimo gli autori. Vi pare che non faccia ridere? Dai su, lo sapete anche voi che è così! Quindi andate e prendete questo libro, su su.
Consigliato: a chi ama le storie di angeli e demoni.

E voi? Quali sono i libri che vi hanno fatto più ridere?

Annunci

5 libri che…sono diventati telefilm

2

E’ sabato, sono passate le feste (come è andato il Natale?) e si torna al lavoro sulla nostra rubrichina (ricomincerò anche il Venerdì da cinefili, tranquilli). Questa settimana tocca a…

Donna-libro

…sono diventati telefilm


Lo so che avete pensato subito a questo.

Questa è abbastanza scontata in effetti. Di libri di cui hanno fatto film se ne potrebbero citare a iosa, e anche di quelli che hanno dato vita a telefilm ne stanno saltando fuori parecchi…purtuttavia, forse riuscirò a stupirvi con qualche piccola perla che neanche voi conoscevate!

1)Sherlock (Sir Arthur Conan Doyle)

https://i0.wp.com/www.serialminds.com/wp-content/uploads/2012/03/Sherlock_BBC.jpeg

Sì, lo so. Probabilmente già lo conoscete. Ma permettetemi lo stesso di dire la mia: Sherlock (BBC) è probabilmente uno dei telefilm migliori che abbia mai visto. E’ ironico, è travolgente, c’è azione, suspance, mistero, ottimi personaggi e il protagonista è uno gnocco assurdo (oltre a essere un magnifico attore). Se vi guardate Elementary, mollatelo subito e guardatevi questo. Oltretutto, pur essendo ambientato in un’epoca diversa, trovo che rispetti molto di più il personaggio di Sherlock Holmes rispetto ad altre produzioni moderne, almeno stando ai libri che ho letto. Ed è carina la scelta di basare le puntate sui racconti di Sir Conan Doyle (Uno studio in rosso è diventato Uno Studio in rosa, ecc.)
Libro o telefilm? In questo caso direi entrambi. Doyle scrive magnificamente ed è piacevolissimo.

2) I pilastri della terra (Ken Follett)

https://i1.wp.com/media.tvblog.it/P/POE/POE_wallpaper1920x144066.JPG

Jackino mio ❤ Il romanzo di Follett è un’opera non da poco, ampia e ambiziosa, decisamente all’altezza delle aspettative. Un libro fantastico, scritto magnificamente, e la serie (miniserie in questo caso) non è da meno: i personaggi sono magnifici, tra Jack (un Eddie Redmayne allora semisconosciuto), il priore Philip (che è stato Darcy in Orgoglio e Pregiudizio, non si può fare di notare la differenza!) e Tom il costruttore (Rufus Sewell, che per una volta non fa lo stronzo) e la fotografia è fantastica. Oltre a tutte le vicende che girano intorno a sta cattedrale, è incredibile come Follett e i produttori siano riusciti a rendere interessante una cosa del genere.
Libro o telefilm? Anche qui, direi che in quanto a qualità ci equivaliamo. Forse il libro è leggermente meglio.

3) Outlander (Diana Gabaldon)

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/b/b3/Outlander-TV_series-2014.jpg

Un’intrigante storia d’amore ambientate in bilico tra presente e passato. Magia, antichi monumenti, battaglie storiche nella Scozia del 1700 (e un povero marito depresso in quella del 1950). Basta questo per capire che siamo di fronte a una serie bella e godibile. Gli splendidi paesaggi scozzesi aggiungono un tocco di fascino. Anche il libro non è male.
Libro o telefilm? Telefilm. Il libro non è male, ma non è così entusiasmante a dirla tutta, e la divisione dei libri in due mi dà fastidio. Inoltre Jamie Fraser è troppo gnocco sullo schermo.

4) Jonathan Strange & Mr Norrell (Susanna Clarke)

https://i1.wp.com/www.subsfactory.it/images/posters/268581-2-250x367.jpg

Splendido. Il libro è bellissimo, una delle cose più belle che abbia mai letto. La miniserie è altrettanto splendida. E’ da vedere (specialmente Jonathan che evoca dei cavalli di sabbia che cavalcano sull’acqua. E’ epico). Vi avviso che la prima puntata è un po’ lenta, ma il resto vale sicuramente la pena.
Libro o telefilm? Libro. Il telefilm è veramente bello, ma il libro ha tutta un’atmosfera che bisogna leggere per capire.

5) La Freccia Nera (Robert Louis Stevenson)

https://i1.wp.com/www.cinemedioevo.net/film/DF/freccianera68-04.jpg

Questa non ve l’aspettavate mi sa. La Freccia nera è un romanzo di Stevenson, una specie di Robin Hood un po’ così. Lo sceneggiato è vecchio (è ancora in bianco e nero, figuratevi) ma è veramente bello. La sigla poi è qualcosa di speciale, altro che Game of Thrones. I due protagonisti li vorresti prendere a sassate (specialmente lei) ma il cattivo è qualcosa di fantastico. Insomma, lo consiglio, specie a chi ama i vecchi film.
Libro o telefilm? Telefilm. Il libro è terribile, alla fine volevo lanciarlo giù da una rupe.

E voi? Conoscete altri libri che sono diventati telefilm?

5 libri che…raccontano il Natale ai bambini

0

Ho deciso di inaugurare una nuova rubrica, che ci terrà compagnia a momenti alterni (devo ancora decidere i giorni esatti), una cosa che mai assolutamente nessun altro aveva pensato, nooooo!
Siore e siori, ecco a voi:

Donna-libro

…raccontano il Natale ai bambini

E’ Natale e a Natale si può dare di piùùùùùùùù∼
No, non sono impazzita, vi sto solo introducendo il tema di questa volta, che, se non l’avete già capito da soli, riguarda la festività più amata dai bambini: il Natale. E quale modo migliore di passare il Natale, se non leggendo ai vostri pargoli un bel libro tutto per loro? Eccovi quindi i nostri prescelti:

 

1) Il piccolo B – Jon Agee

http://www.mondadoristore.it/img/Il-piccolo-B-Jon-Agee/ea978889180125/BL/BL/64/NZO/?tit=Il+piccolo+B&aut=Jon+Agee

La famiglia Natale abita al Polo Nord, e non ne può più di tutto quel freddo e quella neve. Tutti non vedono l’ora di andarsene.
A parte l’ultimo della cucciolata: il piccolo B, che ama addobbare abeti, fare pupazzi di neve, cucinare biscotti e soprattutto scivolare giù per il camino. La mattina della partenza per il Sud, inaspettatamente, la famiglia Natale si ritrova bloccata in casa da una tormenta…
A me è piaciuto soprattutto il finale: voglio dire, indovinate chi è il piccolo B?
Consiglio: fatela a più voci e allenate un po’ le vostre capacità di recitazione, purtroppo non brilla per dinamicità.
Età: da 6 anni.

2) Orso Zebedeo e il misterioso regalo di Natale – K. Meinderts, M. Scharff-Kniemeyer

https://i0.wp.com/www.capitello.it/wp-content/uploads/libri-images/LOrso-Zebedeo-e-il-misterioso-regalo-di-Natale.jpg

La notte di Natale l’Orso Zebedeo apre la porta e trova un misterioso regalo in mezzo alla neve. Sopra, c’è solo un biglietto con scritto: “Per te”. “E sarei proprio io?” si chiede Zebedeo. Per essere sicuro, Zebedeo prende il pacchetto e parte alla ricerca di Babbo Natale…
In se e per sè la storia non brilla per originalità, ma se ve la giocate bene vi troverete davanti degli sguardi di seienni illuminati dalla gioia.
Consiglio: procuratevi un carillon e un costume da Babbo Natale.
Età: più piccoli sono, più l’effetto magia è garantito.

3) Gli uomini rossi – Pef

https://i1.wp.com/www.alicenelpaesedeibambini.it/Alice/rubriche/Recensioni/rec_sez/Rac_rom/img/lb8.jpg

Caro Natale Piccolo…non portarmi un attacco cardiaco… non farmi diventare cieco…non vorrei proprio una brutta bronchite…una gamba rotta…
Non si sa come facessero a capirlo, ma quando sopraggiungeva una certa sera, gli uomini rossi avvertivano che Natale Piccolo stava per arrivare. E c’era fermento, eccitazione.
Passata la notte, passati anche i guai. Nella luce del giorno non si constatavano infarti, bronchiti, fratture…
Finché un anno, nello stesso periodo di sempre, agli uomini rossi capitò la ventura di incontrare Natale Piccolo in persona…
Consiglio: senza vedere le illustrazioni è incomprensibile. Mettetevi con i pargoli sul sofà davanti al camino e leggete con gusto.
Età: dai 6 anni.

4)La piccola renna – Michael Foreman

https://i2.wp.com/www.camelozampa.com/images/upload/libri/0023_La%20piccola%20renna.jpg

La piccola renna sta esplorando il laboratorio di Babbo Natale, ma finisce nella macchina per incartare i regali, e si ritrova impacchettata come un regalo natalizio!
Cosa succede quando una piccola renna decide che vuole tirare la slitta di Babbo Natale? Succedono cose magiche, come un viaggio inaspettato e un’amicizia incredibile. Bellissimi disegni e magiche atmosfere.
Consiglio: preparate i fazzoletti, io alla fine mi stavo mettendo a piangere. Non scherzo.
Età: dai 6 ai 9 anni.

5) Bimbo Natale – Michael Lawrence, Arthur Robins

https://i0.wp.com/ecx.images-amazon.com/images/I/51MSVIoxezL._SX402_BO1,204,203,200_.jpg

Ogni anno, che fatica! Babbo Natale deve consegnare un mucchio di regali e per farlo deve calarsi giù per il camino. Ma questa volta ha due aiutanti d’eccezione. Rudi, la renna più giovane del branco, è convinto di essere ormai abbastanza grande per volare e ha deciso di portare con sé anche Bimbo Natale. Per i due amici sarà una notte magica, un’avventura meravigliosa volando da un camino all’altro sopra i tetti innevati…
Consiglio: date fondo alle vostre capacità recitative, qui ce n’è da far ridere.
Età: dai 5 anni

Vi sono piaciuti? Li avete letti o li leggerete ai vostri figli/fratelli/cugini/bambini-da-far-stare-zitti? Raccontate!